Criteri per la formazione delle classi ad indirizzo musicale

(approvati con delibera n.22 del 13/03/2017, confermati con Delibera n. 156 del 18/12/2017 del Consiglio di Istituto)

 

  • La Commissione delibera di valutare ciascun candidato relativamente alle prove indicate nell’allegato “A”. I voti di ogni singola prova sono espressi in decimi, con voto da 5 (cinque) a 10 (dieci) decimi ed eventuali decimali per ogni prova, il voto finale viene dato dalla somma dei voti delle tre prove somministrate, è espresso in trentesimi ed indicato all’unanimità dai membri della commissione. La votazione al di sotto del punteggio totale di 18 (diciotto) indica la non idoneità a svolgere gli studi musicali dell’aspirante alunno nelle Sezioni ad Orientamento Musicale di questo Istituto.
  • La commissione determina che gli aspiranti saranno inseriti in ordine di merito nelle graduatorie divise per strumento e secondo la lingua scelta (francese e spagnolo) in numero massimo di 6 (sei) e la votazione sarà riportata nel verbale d’esame assieme all’estratto delle prove attitudinali.
  • Viene data priorità al primo strumento scelto dal candidato;
  • Ai candidati esclusi viene assegnato d’ufficio il secondo, terzo o quarto strumento scelto dal candidato per completare le graduatorie delle classi non complete con il primo strumento scelto, dando la priorità all’ordine di preferenza indicata dal candidato in sede d’esame.

 

Allegato “A”

1_Prova Ritmica

La prova si basa sull’esecuzione di brevi incisi ritmici di difficoltà progressiva, che il candidato ripeterà per imitazione. Si riprodurranno dei ritmi di 4 o più colpi (ritmi binari, ternari, o vari) battendo le mani. Si chiederà all’alunno di ripetere il ritmo proposto, quindi seguiranno altre prove gradualmente più lunghe e complesse. Si valuteranno: il senso ritmico, la capacità di attenzione, memoria, ascolto e di riproduzione, quindi le particolari attitudini ritmiche e le potenzialità psicofisiche per lo studio della musica e di uno strumento musicale.

 

2_Prova d’intonazione e musicalità

Verrà proposto all’alunno, di cantare per imitazione, brevi incisi melodici e/o piccoli intervalli musicali per accertare le sue capacità d’intonazione, ascolto, riproduzione e concentrazione. Distinzione fra note di differente altezza (nota grave, media o acuta) con intervalli progressinvamente più piccoli, fino al tono o al semitono.

 

3_Prova di logica:

Al candidato verrà proposto di ragionare su elementi di matematica (frazioni) studiati nella scuola primaria, per stabilire le sue capacità logiche. Dato lo stretto legame fra le frazioni e il valore delle figure musicali, una buona conoscenza di tali elementi determinerà: la capacità di tradurre il linguaggio matematico in linguaggio musicale e viceversa, la capacità di trasformare ed utilizzare le frazioni in applicazioni musicali e la comprensione del valore matematico delle note e delle figure musicali